Green Pass e Badanti, le nuove disposizioni

Green Pass e badanti, le nuove disposizioni del governo

Novità per chi si avvale dei servizi di una badante in casa: “Se la badante non possiede il Green Pass non potrà accedere al luogo di lavoro” e se è convivente “dovrà abbandonare l’alloggio“. Lo prevedono le disposizioni pubblicate dal governo. Ecco un semplice riassunto delle nuove disposizioni Green pass e Badanti, secondo quanto scrive il Governo nelle sue Faq (Frequently Asked Questions).

Se la badante non fornisce il Green Pass per 5 giorni?

In questo caso, il datore di lavoro potrà procedere alla sostituzione della badante per 10 giorni con altro idoneo lavoratore, periodo rinnovabile fino a una volta.

Senza Green Pass si sospendono vitto e alloggio?

Si. Se la badante non possiede il Green Pass, non potrà accedere al luogo di lavoro. In questo caso si sospendono anche le componenti vitto e alloggio e badante dovrà momentaneamente abbandonare l’abitazione in cui presta servizio.

Se la badante è positiva al Covid?

In questo caso, ribadisce il governo, la badante “non potrà allontanarsi dalla casa nella quale vive” per la durata della quarantena prevista.

Il Green Pass è necessario anche per chi lavora all’aperto?

Si. L’obbligo di green pass non è collegato al fatto che la sede in cui si presta servizio sia all’aperto o al chiuso”. Lo si legge in una delle Faq pubblicate sul sito del governo. Entrando nel dettaglio: “Il Green pass deve essere valido nel momento in cui il lavoratore effettua il primo accesso quotidiano alla sede di servizio e può scadere durante l’orario di lavoro, senza la necessità di allontanamento del suo possessore”.



Iscriviti alla Newsletter per ricevere informazioni utili e novità sul mondo dell’assistenza

Blog