Ansia da Covid: l’allarme degli psicologi

ansia da covid

L’ansia da Covid è in aumento. La situazione causata dalla pandemia da Covid-19 ci ha portato a vivere in una condizione di perenne stato di angoscia e allarme. Questo ha comportato un aumento delle sintomatologie ansioso-depressive.

Il ruolo delle emozioni

L’uomo è per sua natura un essere emotivo. Per quanto si possa sforzare ad essere razionale è fortemente influenzato dalle emozioni. Dunque, in situazioni come quella che stiamo vivendo da ormai due anni, una tipica emozione che guide le azioni dell’uomo è la paura.

La paura

La paura in realtà è un sentimento fondamentale per la nostra sopravvivenza. Essa ci permette di rimanere attivi, lucidi e concentrati su cosa è bene fare per difendere noi stessi. Tuttavia, nel momento in cui l’essere umano non è più in grado di gestire questo sentimento si incorre in rischi anche gravi. Difatti, la paura se non controllata porta ad adottare comportamenti impulsivi e irrazionali. Di conseguenza, invece che esserci di aiuto, la paura diventa controproducente per noi stessi e la nostra sicurezza.

Il panico e l’ansia

Quando perdiamo il controllo su noi stessi diamo libero spazio a patologie come ansia e panico. Queste condizioni fanno sì che l’individuo percepisca ogni situazione come rischiosa, anche quando il rischio è limitato o assente. In alcuni soggetti questa condizione sfocia in una malattia chiamata ipocondria. La persona che soffre di tale patologia tende ad estremizzare le situazioni di pericolo preoccupandosi eccessivamente della propria salute. In questo caso, la conseguenza più tipica è di collegare ogni minimo sintomo che abbiamo all’infezione da Covid-19.

Un nemico invisibile

Nonostante tutto ciò, l’uomo non ha colpe. L’essere umano non è fatto per reggere a situazioni di tensione continuativa nel tempo. Inoltre, la natura stessa di questo virus non è di aiuto. Anzi, accentua la gravità della situazione di ansia generalizzata. Infatti, il Coronavirus è invisibile ma molto contagioso. Per giunta, a differenza degli altri virus, è ancora in gran parte sconosciuto alla scienza. L’incontrollabilità di questo virus aumenta la paura e l’ansia nelle persone.

Come gestire l’ansia

Inizialmente eravamo molto disorientati e vivevamo alla giornata nella speranza che questa situazione fosse passeggera. Ora che si ha ben chiaro che non si tratta di una situazione di breve periodo è molto importante provvedere ad una riorganizzazione della propria vita per evitare situazioni di stress ed ansia. Infatti, le limitazioni che la pandemia ha imposto al nostro stile di vita continueranno a persistere ancora per molto tempo. Per cui è bene accettarle ed imparare a conviverci avendo chiaro che il ritorno alla normalità sarà un processo graduale.

Quattro consigli per combattere lo stress

Gestire gli spazi

Soprattutto per coloro che lavorano da casa, o sono costretti a rimanere in quarantena è molto importante saper gestire i propri spazi. Prima di tutto si consiglia di mantenere sempre un ambiente confortevole e ordinato. Il ricorso all’utilizzo di piante, candele e profumatori può essere di aiuto. Inoltre, può essere molto utile trovare un proprio “spazio di sicurezza”, ovvero uno spazio (anche piccolo) in cui passare del tempo da soli per ricaricare le energie.

Creare una routine

Altro aspetto fondamentale per evitare situazioni di stress è il tempo. Scandire le proprie giornate ci aiuterà ad evitare situazioni di disorientamento e panico. Si consiglia di adottare orari il più possibili stabili nel tempo, programmando accuratamente le proprie attività durante la giornata.

Rimanere lucidi

Come abbiamo detto, la perdita di controllo su noi stessi ci porta a situazioni rischiose e controproducenti. Per cui cerchiamo sempre di gestire le situazioni con calma e razionalità. Per essere sicuri di avere ancora il controllo su noi stessi e non entrare in situazioni di panico, poniamoci sempre la domanda “sono ancora io a scegliere cosa fare in questo momento o sto seguendo quello che fa la massa?”. Questa domanda può aiutarci ad evitare le situazioni di panico che si sono create negli scorsi mesi come quella che ha visto le persone depredare in massa i supermercati per fare scorte di cibo inutilmente.

Fare attività fisica

È fondamentale in questo momento trovare un passatempo che ci faccia sentir bene. Infatti, l’attività fisica, di qualunque tipo essa sia ha numerosi effetti positivi sulla nostra salute fisica e mentale.

I principali benefici dell’attività fisica sono:

  • rallentare gli effetti dell’invecchiamento e in particolar modo in questo periodo riabilitare il nostro sistema muscolare;
  • contrastare patologie cardio-circolatorie e allenare la respirazione;
  • migliorare l’umore, ridurre l’ansia, stress e depressione
  • fare attività fisica è un’occasione per fare amicizia.